Una Sirena per la seconda volta… fuori dall’acqua!


08 Dec
08Dec

Quando un libro ha avuto, nella sua vita, un iter travagliato e strano come quello del mio romanzo autobiografico, c’è da chiedersi se anche i libri, come gli umani, abbiano un loro destino che li rende unici.

Ritengo che questo libro abbia una personalità propria, che è riuscita, nonostante i vari tentativi di affossamento e di cancellazione, a risorgere più forte e importante di prima.

Pur essendo nato sotto un’apparente “buona stella”, visto che la prima edizione fu curata niente di meno che dalla Mondadori, la più importante casa editrice italiana, le sue vicende, in seguito, si rivelarono molto particolari.

Il grandissimo successo inziale, le migliaia di copie vendute e le critiche entusiaste lo fecero diventare, nel giro di pochi mesi, un best-seller, ma poi, all’improvviso, tutta questa luce fu spenta. Da chi e perché? Non è dato sapere, ma così avvenne e questo recò molti danni a me e alla mia voglia di procedere sulla strada della Conoscenza.

Furono anni bui, molto difficili, da cui risorsi dopo aver pubblicato un altro libro che cambiò la vita di molte persone, oltre la mia: “ La Trappola Invisibile”.

Continuai la mia ricerca di Verità e tanti libri da allora sono usciti dalla mia penna, mai stanca di percorrere strade inusitate nella Storia, nei Miti e nelle Leggende del passato, per capire il mondo di oggi.

Tutto è collegato e tutto fa parte di un enorme disegno, un mosaico dalle mille sfaccettature che dura da migliaia di anni e che collega il presente ad un passato antichissimo di cui portiamo le tracce ancora nel nostro DNA animico.

Il successo raggiunto con queste pubblicazioni più recenti (ne ricordo solo tre, le più famose: “Quando Troia era solo una città”, “Iniziazione Segreta alla felicità” e “Origini delle Narrazioni del mondo”) mi hanno fatto conoscere realtà editoriali diverse ed ora, grazie alla casa Editrice Internazionale LUX-CO, anche i due importanti libri precedenti hanno rivisto la luce.

Entrambi questi libri si presentano al pubblico con una veste grafica completamente rinnovata, con degli ampliamenti e aggiornamenti che fanno la differenza rispetto alle vecchie edizioni.

La Sirena ha ricominciato a cantare e ad ammaliare con la sua voce chiunque voglia addentrarsi in una storia umana che ancora ha da dire e da dare moltissimo alle anime in ricerca della Verità.

Qui di seguito riporto alcuni commenti scritti dai più importanti giornalisti italiani per testate come “La Repubblica” “Il Corriere della Sera”, “Il Resto del Carlino” e tante altre. Gli stralci degli articoli sotto riportati furono pubblicati all’indomani della prima uscita del canto della Sirena.

“Io, sirena fuor d’acqua” è una storia autobiografica, tutta scritta sulla pelle dell’autrice: un romanzo-verità spesso impietoso, ma mai inutile, che ricostruisce con grande coraggio e spregiudicatezza un percorso esistenziale e fisico che ha come meta l’affermazione della “normalità”, che appariva impossibile. Questa è la storia della sua conquista al diritto di una vita piena e a un’affettività e sessualità totali. 

E’ un itinerario che si dipana per tappe successive: la scoperta della malattia, il calvario della riabilitazione, gli studi, il lavoro, la famiglia, la rivendicazione della bellezza e dell’amore pieno. La scoperta dei pregiudizi e i curiosi modi che l’autrice inventa per superarli, fanno di questo libro un unicum nel suo genere.

La “coda della Sirena” viene superata attraverso sfide continue, fino alla decisone di posare come fotomodella e alla scelta di dedicare la sua vita a fare ciò che ama.


E’ una risalita dagli inferi, verso una libertà di pensiero raramente raggiunta.

Diversamente dalla Sirenetta di Andersen, l’autrice si è rifiutata di “rituffarsi in mare” e di essere condannata alla morte lenta e silenziosa dovuta ai pregiudizi. 

Diventato un best-seller, con migliaia di copie vendute alla sua prima uscita, ora viene ripresentato al grande pubblico, per fare rivivere le emozioni uniche che questo testo dona.

Dopo la lettura di questo libro, nulla appare più come prima. Ribalta i concetti atavici di bene e male, di salute e malattia, di sessualità e di castrazione, e libera la mente a tal punto che ogni più bel sogno appare possibile. 

E’ un libro che dà dei pugni in faccia, piuttosto che essere consolatorio. 

Il sesso è in primo piano, come palestra per chi non conosce altro approccio alla verità dell’amore. Di sesso questo libro parla moltissimo, ma in un modo talmente nuovo e incredibile che non si può capire se non leggendolo. 

La lezione che impartisce è dura ed è una lezione solo per animi forti. 

Se siete deboli e paurosi, lasciate perdere, questo libro non fa per voi! 

Amare è una faccenda per coraggiosi, per chi è disposto a mettere sul piatto della vita tutto se stesso e a scommettere solo sulle proprie forze. 

E’ anche un libro iniziatico, che parte da una profonda catabasi e giunge alle vette di un’anabasi splendidamente sofferta e goduta.

Provocante e provocatorio, il libro lascia senza fiato il lettore, con un incalzante crescendo di situazioni difficili e assolutamente originali. 

“A mali estremi, estremi rimedi” recita il proverbio e proprio grazie al fatto che l’autrice sia riuscita ad escogitare degli “estremi rimedi” che la sua vita, ora, è salva, e può diventare un faro luminoso nella vita di molte altre persone che si sentono perdute. 

La vita è “mater et magistra”, come dicevano i latini e niente di più vero appare dopo la lettura di queste pagine uniche e indimenticabili. 

La lettura non è consigliata, invece, ai deboli di cuore e ai vigliacchi, che si ritroveranno spietatamente denudati in queste pagine di verità. 

Mirella Santamato

 

 

Commentaires
* L'e-mail ne sera pas publié sur le site web.