Prima di Dio


Categoria: Storia - Mitologia Autore: Stefania Tosi Formato / Pagine: A5 / 358 Data novembre 2019 ISBN: 978-2-902114-49-8 Prezzo: 16,90 euro


16.90 
  • Livraison:  

En savoir plus


In un'epoca remota la prima scintilla della coscienza coincise con la scoperta del mondo reale connesso ad un grembo femminino, sacro e numinoso.  

Prima di Dio, prima dei grandi imperi mediterranei, prima dei monoteismi patriarcali,  un culto panteistico, intriso di magia, spiritualità e sciamanesimo aveva irraggiato l'esistenza di uomini e donne in tutto il mondo, dalla Siberia fino alle terre oltreoceano. Per millenni la Natura, demiurgo immanente, era stata la pergamena vivente di segreti e leggi arcane che, nell’apparente caos che la dominava, dava ordine e motivazioni all'esistenza. Lei, dispensatrice di vita e di morte, era la deità dai mille volti in cui si realizzava l’eterno ciclo magico di “vita-morte-rinascita”, secondo un naturale e logico meccanismo di rigenerazione che aveva il suo corrispettivo umano nella donna. Nelle società pre-storiche, meno gerarchizzate e più egualitarie, la donna era la mano sacra che univa i mondi del noto e dell’ignoto. Lei - sciamana, guaritrice e sacerdotessa - era la manifestazione terrena della potenza creatrice numinosa e femminina.

Benché dibattuta, da tempo si insiste sull'importanza del Femminino Sacro nell' India prevedica, nel Mediterraneo, nell'Europa arcaica e in Anatolia. Dagli albori della civiltà umana si tramanda attraverso miti, tradizioni e testimonianze archeologiche l'antichissimo culto che tuttora strabilia nella sua multiformità: le splendide pitture rupestri delle grotte paleolitiche, le Veneri steatopigie, le dee egizie e indiane, le sacerdotesse di Cnosso o i templi megalitici di Malta e della Sardegna. 


Queste sono le mille voci del Femminino Sacro, il culto nato prima di Dio.